PERSONAGGI STORIA

Alfredo Malgeri, eroe marcianisano d’adozione

Alfredo Malgeri - giornale che annuncia la Liberazione

In occasione del giorno che commemora la Liberazione del popolo italiano dalla minaccia nazi-fascista, vogliamo parlarvi di un personaggio che fu una figura chiave nell’insurrezione di Milano. Stiamo parlando del generale Alfredo Malgeri, nativo di Reggio Calabria ma marcianisano d’adozione. Il finanziere, dotato di un coraggio fuori dall’ordinario, fu a capo di un’operazione che sancì la liberazione del capoluogo lombardo.

Un eroe dimenticato

La sezione di Milano dell’Associazione Nazionale Partigiani è intitolata ad un uomo che si rivelò cardine della Liberazione della città: Alfredo Malgeri. Questo rende l’idea di quanta considerazione ci sia riguardo questa figura, troppo spesso ignorata dalla cronache storiche, in particolare di quelle della sua città di adozione, Marcianise.

Alfredo Malgeri - Milano Festeggia La Liberazione
Milano festeggia la Liberazione dalla minaccia nazi-fascista. Fonte: Panorama

Nel 1945 Malgeri era colonnello della terza Legione della Finanza del Carroccio di Milano. Nella notte tra il 25 ed il 26 aprile, con grande coraggio, guidò un reggimento di 407 uomini della caserma Cinque Giornate, sita in via Melchiorre Gioia. Assieme a questo piccolo esercito riuscì ad occupare la prefettura di Milano, il palazzo della provincia, il municipio e la sede della radio pubblica. Questa operazione, già da tempo concordata con il Comitato di Liberazione Nazionale, gli permise, la mattina seguente di annunciare egli stesso la ritrovata libertà del capoluogo lombardo. Un’esplosione di gioia si ebbe in città quando il colonnello fece suonare per tre minuti le sirene dell’allarme antiaereo. Era questo, infatti, il segnale con cui Alfredo doveva comunicare la riuscita dell’operazione. Malgeri, grazie alle sue immense qualità umane fu scelto come persona di fiducia dal Comitato, di cui faceva parte anche Sandro Pertini, futuro Presidente della Repubblica.

Il legame familiare con Marcianise

Alfredo Malgeri era nativo di Reggio Calabria, ma aveva legato la sua vita alla città di Marcianise. Aveva sposato, infatti, una donna proprio del comune casertano, Orsola Grauso, conosciuta tramite il fratello Salvatore, questore a Treviso e Udine . E anche il figlio Vincenzo, anch’egli diventato generale della Guardia di Finanza in pensione, ha sposato una ragazza di Marcianise, Annamaria Grauso.

Alfredo Malgeri e i suoi uomini sfilano in città dopo la Liberazione
Alfredo Malgeri sfila assieme agli uomini che hanno liberato Milano. Fonte: Corriere della Sera

Nel 2007 Alfredo Maugeri ha ricevuto l’onore della Medaglia d’Oro al valore della Guardia di Finanza. È stato proprio il figlio Vincenzo a ritirare i riconoscimento.
Lo scorso anno, inoltre, una delegazione del comune di Marcianise capeggiata dall’assessore Nicola Salzillo, ha presenziato a Milano all’intitolazione dei giardini di via Melchiorre Gioia proprio al generale Alfredo Malgeri. Andando così a sottolineare ancor di più il riconoscimento del militare come figlio adottivo di Marcianise.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
Alfredo Malgeri, eroe marcianisano d’adozione ultima modifica: 2019-04-25T10:02:32+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top