itMarcianise

FESTE E SAGRE NOI

Immacolata Concezione, la tradizione a Marcianise

Immacolata Concezione

La festività dell’Immacolata Concezione è sentitissima a Marcianise. La sua tradizione, infatti, ha più di 350 anni di storia. Quest’anno, come accade per molte delle occasioni di ordinaria convivialità, la situazione pandemica legata al Covid-19, di cui abbiamo lungamente parlato nel precedente articolo, questa ricorrenza, oltre a tutte quelle legate al Natale e al nuovo anno, l’Immacolata Concezione avrà toni più dimessi. Ma andiamo a scoprire la lunghissima tradizione di questa ricorrenza.

Una festa con toni dimessi

Sarà un’Immacolata Concezione dai toni sicuramente meno festosi quella celebrata a Marcianise nella giornata di oggi. La delicatissima situazione legata alla pandemia da Covid-19, infatti, vieta la possibilità di creare assembramenti. Ogni celebrazione, infatti, sarà condizionata dalle direttive governative, che impongono la massima prudenza per evitare che la curva dei contagi schizzi di nuovo verso l’alto. Con buona pace dei marcianisani, che tanto tengono a questa ricorrenza.

Immacolata Concezione - piazza Umberto I
La città di Marcianise è legatissima alla ricorrenza dell’Immacolata Concezione

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che l’Immacolata Concezione è un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854 con la bolla Ineffabilis Deu. Con questo atto, il Pontefice sancì l’immunità della Vergine dal peccato originale sin dal suo concepimento. Questo dogma è la seconda importantissima verità indiscutibile legata alla Madonna, dopo quella legata alla sua verginità anche dopo il concepimento di suo figlio Gesù Cristo.

La tradizione dell’Immacolata Concezione a Marcianise

I festeggiamenti dell’Immacolata Concezione a Marcianise sono stati spesso legati ad una processione che si sviluppa lungo le vie del centro storico cittadino. La partenza, ovviamente, è dal Duomo di San Michele Arcangelo. Da qui la statua della Vergine compie il cosiddetto quadrato lungo (Via Duomo, via Novelli, via San Simeone, Piazza Carità, via Santoro).
Della tradizione di questa processione conosciamo la storia grazie allo storico locale Nicola de Paolis. Egli ci racconta come questa usanza risalga all’8 dicembre 1656. In questa occasione la cittadinanza volle omaggiare la Madonna per l’intervento miracoloso che pose fine alla peste e alla carestia che imperversava nel Regno di Napoli.

Immacolata Concezione - statua della Carità di Onofrio Buccini - Chiesa dell'Annunziata Con Statua Della Carita
La storia della tradizione della ricorrenza è raccontata da Paolo de Majo in due dipinti esposti nella Chiesa dell’Annunziata. Fotografia di Francesco Norcia

In questa occasione gli amministratori locali (D.Teodoro Cibullo, D.Pietro d’Ambrosio e D.Francesco delli Paoli) istituirono la processione dell’Immacolata Concezione attraverso un documento pubblico redatto dal Notaio D. Giuseppe Pellegrino in data 13 novembre 1656. Il documento recitava: “Il Comune e Capitolo Collegiale di Marcianise con la presente convenzione, promettono e si obbligano in detti nomi per tutto quel tempo che detta Università e suoi pro tempore Sindaci ed Eletti vorranno solennizzare detta festività in detta chiesa di S.Angelo a nostra Signora sotto il titolo dell’Immacolata Concezione, per essere stata la detta Università liberata dal morbo contagioso dalla Beatissima Vergine Maria“. Questi eventi sono anche documentati in due dipinti realizzati da Paolo de Majo nella chiesa dell’Annunziata. Questi due quadri sono esposti alle pareti destra e sinistra della Cappella che sta a sinistra della porta del corridoio della Sagrestia.
Da quel giorno Marcianise e questa ricorrenza furono legati indissolubilmente.

Immacolata Concezione, la tradizione a Marcianise ultima modifica: 2020-12-07T09:00:46+01:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top