ARTE CHIESE

I capolavori della chiesa dell’Annunziata di Marcianise

Chiesa dell'Annunziata di Marcianise

Nel cuore del centro storico, nei pressi della famosissima statua della Carità di Onofrio Buccini, si erge una bellissima chiesa rinascimentale, proprio affianco all’ASL. Si tratta della chiesa dell’Annunziata di Marcianise, che al suo interno custodisce alcune opere dei più importanti artisti del seicento napoletano.

La facciata rinascimentale

Nel decimo secolo nel luogo dove ora sorge la chiesa dell’Annunziata venne costruita la chiesetta della Madonna delle Grazie, infatti, nel decimo secolo pare sorgesse un primo luogo di culto consacrato all’Annunziata. Il radicato culto presente a Marcianise, però, rese necessaria l’edificazione di un edificio più importante. I lavori vennero affidati all’architetto Benvenuto Tortelli, che riedificò un edificio di culto preesistente. Costui era ritenuto dallo storico Costanzo parente del celebre Benedetto Tortelli di Brescia, molto attivo nel Regno in quegli anni. L’edificio, nel corso degli anni, ha subito molti inventi di ampliamento e restauro, tra cui quelli di Matteo Salerno pochi anni dopo la costruzione.

Chiesa dell'Annunziata di Marcianise - Piazza Carità
La chiesa, il campanile e la statua della Carità di Buccini. Fotografia di Francesco Norcia

La facciata è in stile rinascimentale ed è preceduta da un porticato sostenuto da cinque archi a tutto sesto. Al portale si accede tramite l’arco più importante del portico, che anticipa il registro inferiore del prospetto. Quello superiore consta di un finestrone sormontato da un timpano. Vicino alla chiesa, ma non adiacente, vi è il grande campanile a base quadrata realizzato in tufo nel 1574 dal capuano Ambrogio Attendolo, che fu tra i principali protagonisti del rinnovamento architettonico e urbanistico nella sua città. Questa struttura andò a sostituire una preesistente dello stesso tipo.

Gli importanti dipinti all’interno della chiesa

L’interno della chiesa dell’Annunziata di Marcianise si divide in tre navate, la principale delle quale (la centrale) è sormontato da un pregevole soffitto a cassettoni in legno dorato. Al centro del soffitto c’è un’opera di uno dei più importanti pittori del tardobarocco napoletano, Francesco Solimena, che lo realizzò nel 1697. Al termine della navata troviamo un presbiterio quadrato. Un altro artista di grande importanza sul territorio, Massimo Stanzione, realizzò l’Annunciazione alle spalle dell’altare maggiore. Di un altro napoletano, Nicola Malinconico, sono gli affreschi dell’abside, mentre la partecipazione del fiammingo Dirk Hendricksz è sottolineata dalla
Decollazione di San Giovanni Battista.

Chiesa dell'Annunziata di Marcianise - L'annunciazione di Massimo Stanzione
Il dipinto dell’Annunciazione di Massimo Stanzione. Fonte: Showbizz

A tenere alta la bandiera dei pittori del territorio casertano, oltre a Stanzione, ci pensano il capodrisano Domenico Mondo, con i dipinti nelle cappelle laterali e il marcianisano Paolo De Majo con alcune pitture lungo le pareti della navata centrale e col quadro della controfacciata che raffigura Gesù con i dottori nel tempio, realizzato nel 1734.
Altro elemento di grande pregio è l’organo a canne, di alta fattura napoletana, realizzato tra il 1766 e il 1770. Lo strumento, come lo vediamo oggi, ha subito delle modifiche, ma l’impianto non è stato stravolto. È racchiuso in una cassa lignea preesistente decorata in maniera molto fastosa e dispone di 9 registri di canne.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
I capolavori della chiesa dell’Annunziata di Marcianise ultima modifica: 2019-04-04T09:07:09+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top