EVENTI

La Quarantore e la Pasqua di Puzzaniello

Pasqua a Puzzaniello - Piatti Pasquali

Nel novero delle tradizioni pasquali di Marcianise, particolare risonanza ha il rito delle Quarantore, che termina con la Pasqua a Puzzaniello. La tradizione, che coinvolge tutta la comunità del quartiere, fa ricadere questa festa il giorno di martedì in Albis.

Il rituale tradizionale della Quarantore

Il rituale delle Quarantore è un’usanza molto diffusa in tutto il nostro Paese. Consiste nell’adorazione dell’ostia consacrata, esposta sull’altare della chiesa, nelle quaranta ore che intercorrono tra la morte e la resurrezione di Cristo. Per la precisione, si tiene in considerazione il lasso di tempo che passa dalle tre del sabato pomeriggio alle sette del mattino della domenica di Pasqua.

Pasqua a Puzzaniello - Quarantore
Un altare addobbato per la Quarantore

Secondo la tradizione l’altare deve essere preparato a dovere per questo rituale. Al centro, infatti, deve ospitare un piccolo trono con l’ostensorio, adornato da quatto ceri al di sotto di esso e tre ceri per parte ai lati. Un gran numero di fiori e candelabridevono, inoltre, riempire totalmente l’altare, quasi ad anticipare la fastosità dei festeggiamenti della Pasqua.
Quest’usanza risalirebbe addirittura al IV secolo, quando a Gerusalemme si teneva il rito dell’adorazione della croce. Solo dopo il XII secolo si cominciò a chiudersi in preghiera davanti all’Eucaristia, che per la religione cattolica rappresenta il vero corpo di Cristo. La contemplazione della passione e della morte di Cristo, infatti, ha avuto maggiore risalto durante l’età medievale. Far rivivere gli ultimi giorni di vita terrena di Gesù, infatti, è diventò una consuetudine intoccabile, come dimostra anche la diffusione della tradizione della via Crucis.

La Pasqua del quartiere Puzzaniello

La Pasqua di Puzzaniello si tiene, come detto, il martedì in Albis nel popoloso quartiere del comune casertano. A Marcianise, infatti, i festeggiamenti pasquali si protraggono anche per tutta settimana successiva.

Pasqua a Puzzaniello - chiesa di San Giuliano del Santissimo Sacramento
La chiesa di San Giuliano del Santissimo Sacramento a Puzzaniello. Fonte: Caffè Procope

L’ostia consacrata viene esposta nella chiesa di San Giuliano del Santissimo Sacramento durante la Quarantore. La differenza con gli altri rituali di questo tipo è che a Puzzaniello le quaranta ore non sono continuative. Vengono, infatti, intervallate da pause giornaliere e dalle ore notturne. Per questo i giorni che passano dal Venerdì Santo sono più di tre. Un giorno di festa tradizionale è, ad esempio, la domenica in Albis. Questo giorno, a Marcianise, viene ricordato come la Pasqua dei Pagnali. I fedeli, in questa occasione, abbigliati con indumenti storici dell’epoca di Gesù, cantano degli inni sacri mentre si recano alla parrocchia di Santa Maria Assunta dei Pagani.
Al termine della lunga attesa della Quarantore, comunque, avviene la processione, vissuto come momento di grande gioia e come occasione per riproporre le specialità pasquali locali, come la menestra mmaretata, la pigna e la pastiera.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
La Quarantore e la Pasqua di Puzzaniello ultima modifica: 2019-04-19T09:21:50+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top