ARTE STORIA

Palazzo Tartaglione, magnifica dimora storica cittadina

Logo del Palazzo Tartaglione

Come tutte le città con una storia importante, anche Marcianise ha il suo bel novero di palazzi nobiliari, di cui tanto c’è da raccontare e altrettanto da scoprire. Uno dei più importanti è Palazzo Tartaglione, situato nel cuore del centro storico, che appartiene alla famiglia omonima dal Settecento.

Una grande testimonianza storico-artistica

Quando la famiglia Tartaglione acquistò la proprietà, il palazzo era ridotto ad un rudere a causa di un incendio. Così si decise di ricostruirlo quasi in toto, a partire dai solai. Quella che vediamo oggi è una tenuta dal grande valore storico artistico, accessibile dalla strada grazie al suo ampio portone. Passando attraverso il cortile, ci si imbatte in una grande scalone in marmo, al termine del quale c’è l’appartamento signorile. Il prestigio degli interni è dovuto al suo più illustre inquilino, Donato Tartaglione (1845-1935), canonico, letterato, poeta e grande benefattore che in svariate occasione corrispose importanti donazioni alle chiese marcianisane.

Palazzo Tartaglione - Androne
L’androne. Fonte: Sito web del palazzo

Per la decorazione pittorica del palazzo, egli ingaggiò il decoratore e scenografo del teatro San Carlo di Napoli, Luigi Taglialatela. Quest’ultimo si dedicò lungamente alle decorazioni ad affresco dei soffitti delle camere, ricche di temi a soggetto storico e mitologico, oltre a scene di vita campestre. Ai dipinti spesso sono abbinate frasi e motti composti, con ogni probabilità, da monsignor Tartaglione.
Particolarmente mirabile è l’affresco nella volta a botte del vestibolo, che raffigura degli angeli posti all’entrata di un giardino, quasi fossero i custodi del palazzo. Nell’androne, inoltre, c’è anche l’affresco dello stemma familiare, che raffigura un leone rampante che trafigge un drago con una spada e che riporta a margine la scritta Tartara agitat leo, chiaro riferimento al nome della casata.

Il giardino

Di fronte al portone di Palazzo Tartaglione si nota la presenza proprio di quel giardino richiamato da Taglialatela nell’affresco dell’androne. Questo spazio verde è dotato di un agrumeto con un muro di cinta che lo separa dall’area che permetteva le manovre alle carrozze ed è anteceduto da un piccolo giardino di raccordo. Due edicole, adornano le due aree e recano decorazioni pittoriche a soggetto mitologico realizzate da Taglialatela. Quest’ultimo, inoltre, fu anche un vero e proprio consulente per la realizzazione del tipico giardino all’italiana con un agrumeto, come detto, recintato da siepi geometriche.

Palazzo Tartaglione - piante del giardino
Il palazzo è dotato di un giardino con alberi da frutto e piante ornamentali. Fonte: OndaWebTv

Una parte dello spazio verde, tuttavia, si discosta da questa tipologia di giardino, avvicinandosi al modello all’inglese, conosciuto nella provincia di Caserta grazie all’esempio della Reggia. Così, in questa zona, non troviamo più solo alberi da frutto, ma anche piante ornamentali come cycas, camelie, ortensie.

Gli illustri inquilini di Palazzo Tartaglione

Una menzione va fatta anche per alcuni elementi della nobile casata che hanno abitato palazzo Tartaglione. La raffigurazione di un elmo e un cappello pastorale sopra gli stemmi nell’androne, indicano che alcuni furono canonici, come nel caso di Donato, mentre altri si sono distinti in battaglia o per un’intensa attività di beneficenza, e nel sociale. Alberto Tartaglione (1894-1977), ad esempio, fu uno stimatissimo medico e chirurgo che lavorava nell’ospedale attiguo, mentre Pasquale Tartaglione (1884-1960) divenne anch’egli monsignore.

Palazzo Tartaglione - Stemma della Famiglia Tartaglione
Stemma della famiglia Tartaglione. Fonte: Eco di Caserta

L’attuale proprietario, Tullio, è figlio di Alberto, ed è stato promotore degli ultimi interventi di restauro del palazzo, necessari dopo il terribile terremoto del 1980. Egli ha avuto l’onore di vedere la sua proprietà essere scelta come una delle location del famoso film Mozzarella stories, in cui hanno recitato Luca Zingaretti e Luisa Ranieri. La dimora, inoltre, è disponibile per eventi e ricevimenti che, grazie ad essa, saranno ancor più indimenticabili.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
Palazzo Tartaglione, magnifica dimora storica cittadina ultima modifica: 2019-07-04T09:52:02+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top